L’arte di raccontare

Per la prima volta si sentì se stesso, coscientemente e deliberatamente, e ben presto si smarrì nella gioia di creare, di plasmare, davanti agli ascoltatori, la vita come la conosceva lui. Faceva parte della goletta di contabbando Alcione, quando questa fu catturata da una nave guardacoste. Aveva veduto con occhi ben aperti e poteva dire quel che aveva visto. Evocò davanti ai convitati il mare pulsante e gli uomini e le navi sul mare. Comunicò loro la propria potenza di visione, finchè i loro occhi videro quel che egli aveva veduto. Sceglieva dall’enorme quantità di particolari, col buon gusto di un artista, quadri attraenti della vita, che splendevano e ardevano di luce e di colore, infondendo loro un movimento tale, che i suoi ascoltatori erano trascinati con lui nel vortice della sua rude, entusiastica e forte eloquenza. In certi momenti li scandalizzava con la vivacità della nrrazione e dei termini che usava, ma la bellezza seguiva sempre da vicino la violenza, e la tragedia si risolveva nell’umorismo e nell’interpretazione di strani motti e arguzie dei marinai.

(tratto da Martin Eden di Jack London)

Annunci
Articolo precedente
Articolo successivo
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: